COME DAPPER DAN STRAVOLSE IL MONDO DELLA MODA

COME DAPPER DAN STRAVOLSE IL MONDO DELLA MODA


Dapper Dan è cresciuto ad Harlem, New York.  La sua famiglia non aveva molti soldi, ma attribuisce il suo amore per la moda a un periodo dell'infanzia in cui gli hanno potuto comprare un paio di mocassini di lusso.  Fu un vero e proprio cambiamento di vita.


Dapper Dan, il cui vero nome è Daniel Day, aprì una boutique ad Harlem negli anni Ottanta.  Senza alcuna esperienza precedente nella realizzazione di capi di abbigliamento, fu determinato nel voler iniziare un nuovo lavoro.  All'epoca in cui avviò la sua attività, la produzione americana veniva spedita oltreoceano (questa è la nascita del fast fashion).  Alcune delle fabbriche sartoriali chiusero i battenti nel giro di poco tempo e Dapper Dan ne acquistò le loro attrezzature all’ asta.

Anche se non sapeva come usarle, faceva domande e osservava. Lui stesso definisce il suo processo di apprendimento come “scientifico".
Il suo marchio di fabbrica è un insieme esagerato di pelli e pellicce con un elemento chiave: i loghi di lusso. Un mix perfetto di Fashion Brands. Poco importava che non aveva il permesso di usarli.
Dapper Dan comprava tutte le occasioni del lusso nei grandi magazzini e le riadattava alle sue creazioni.  Inventava anche un nuovo modo di serigrafare la pelle, introducendo la prima istanza della "logomania".
I suoi abiti erano così accattivanti da attirare l'attenzione delle celebrità e soprattutto degli artisti hip hop. Tutti gli artisti dell’ epoca si accorsero di lui e ben presto divenne lo stilista più richiesto dai rappers di New York.
Ciò che rende Dapper Dan così significativo per la storia della moda è il fatto di essere lo stilista che ha saputo fondere la moda di lusso con la cultura hip hop.  Le due entità non si sono imai incontrate prima del suo genio.  Un po' come un Banksy del mondo della moda, si è spinto oltre i confini e la gente se ne è accorta.

Solo quando Mike Tyson litigò fuori dalla boutique di Dapper Dan e fece notizia in tutto il mondo, i marchi di lusso capirono cosa stesse facendo.  Prevedibilmente iniziarono le prime cause legali.  Fu l’inizio della fine. Dan chiuse la sua boutique negli anni '90, dopo 10 anni di attività.

Nel 2017, l'essenza di Dapper Dan è riemersa nella collezione di Gucci.  Alessandro Michele creò una giacca che era quasi una replica esatta di una Louis Vuitton creata da Dan con maniche a palloncino prodotta per la campionessa Olimpica Diane Dixon negli anni '80.

Dopo anni di denunce c’è un lieto fine per il genio dello stilista. A seguito di questo tributo da parte di Gucci nei confronti di Dan , nel 2018 riaperse una nuova boutique presentando una linea uomo con Gucci. Fu una vera vittoria.


Dapper Dan ha cambiato il modo di intendere lo streetwear.  È un pò come campionare. Prendere qualcosa di esistente, stravolgere e proporre un capo totalmente nuovo.

Grazie Dapper Dan.




 


Lascia un commento

Attenzione! I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati